Cucinare. Piani di cottura a induzione

02 cottura induzione Mobilidicasa

I piani cottura a induzione sono ancora relativamente poco diffusi in Italia probabilmente perché negli ultimi 20 anni molto si è investito per l’utilizzo del gas naturale come principale fonte per il calore domestico (riscaldamento, acqua sanitaria e cottura).

Vediamo quali sono i vantaggi e gli svantaggi nell’adottare la cottura ad induzione.

Come funziona l’induzione?

Il calore si propaga solo nel momento in cui la piastra entra in contatto con il fondo della pentola. Nel piano di cottura ad induzione il calore non viene trasmesso alle pentole per conduzione ma indotto attraverso un campo magnetico: per questo motivo si riscalderanno solo pentole di materiale ferroso (acciaio e simili) e non, ad esempio, l’alluminio. La superficie in vetro del piano di cottura rimarrà virtualmente fredda o, meglio, si riscalderà solo per contatto con la pentola.

Sono sicuri?

Rispetto ad un piano cottura tradizionale sono certamente più sicuri perché evitano le pericolose fughe di gas e permettono di eliminare l’impianto del gas all’interno della casa. Sono più sicuri anche nell’uso: è molto più difficile scottarsi perché la superficie del piano non raggiunge temperature elevatissime anche se occorre ricordare che durante l’uso la superficie vetrosa del piano è stata scaldata dalla pentola perciò è meglio attendere del tempo prima di toccarla.

Pulizia e design

I piani cottura a induzione presentano un design accattivante e minimalista, l’assenza dei fornelli rende inoltre più semplice la pulizia del piano cottura. Non è più necessario pulire fornello per fornello, ma basta passare la spugna lungo la superficie piatta e per questo più facile da rendere splendente. Inoltre i colori e i materiali di questi piani cottura di elevata qualità vanno ad aggiungere valore all’arredamento della cucina.

Tempi di cottura dimezzati

La corrente elettrica costa parecchio e il timore è quello di dover spendere di più, ma gli esperti rispondono diversamente. L’acqua che solitamente impiega 9 minuti per la cottura, con la cucina a induzione ne impiega 4. I tempi sono dimezzati e di conseguenza i consumi di norma non subiscono forti rincari.

Potenza e impianti

Per installare un piano di cottura ad induzione è necessario preventivamente verificare che le condizioni dell’impianto siano idonee e che la potenza fornita dal nostro contatore sia sufficiente al suo funzionamento. Esistono in commercio piani cottura con potenze limitabili anche a solo 1kW ma in generale è meglio prevedere una potenza disponibile al contatore superiore a tradizionali 3kW.

Devi arredare la tua cucina? Hai trovato interessante questo articolo?

FacebooktwitterredditpinterestlinkedinmailFacebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *